Hai bisogno di aiuto per la prenotazione?

chiama il numero

0565.19.30.237

MARCIANA ISOLA D`ELBA

Cerca la tua offerta!
calendario
calendario
 Euro/persona/notte
Un mare di offerte in Hotel/Residence/Villaggi sull'isola d'Elba facilmente prenotabili online. Per qualsiasi informazione, consiglio, richiesta, o per prenotare telefonicamente non esitare a contattarci al Numero: 0565.19.30.237.
 
Marciana è situata su uno sperone del versante settentrionale del monte Capanne, è fra gli insediamenti storici più antichi dell'Elba. essendo stata fondata nel 35 a.c. Il suo assetto urbano è articolato in una serie di isolati a quote sfalsate, in cui strette vie e larghe scalinate gravitano intorno al centro e risalgono alla Fortezza. Per tutto il medioevo, contro le abituali scorrerie piratesche, rappresentò il luogo più sicuro e protetto dell'isola. Gli Appiano vi stabilirono la loro residenza e perfino la zecca.

Ancora oggi nella parte alta del paese un bel palazzotto, denominato Casa degli Appiano, sorge a ridosso di una grotta chiamata la Zecca, in cui si pensa che i principi facessero battere la loro moneta.
 

A quel periodo risalgono le mura fortificate e il castello, non lontano dal quale si trova il Museo Archeologico, aperto al pubblico dalla metà di aprile alla metà di ottobre, in cui sono custoditi reperti della preistoria e protostoria elbana e numerose testimonianze di epoca etrusca e romana.
Attualmente il comune di Marciana conta circa 2200 abitanti, distribuiti anche nelle frazioni di Poggio Terme, Procchio, Pomonte. Chiessi. Pratesi. Sant'Andrea.
Marciana, situata a m 375 s.lm .. in bella posizione panoramica. è circondata da una lussureggiante vegetazione, costituita da folti boschi di lecci, pini e soprattutto castagni L'atmosfera è quella tipica delle località montane, tuttavia per i patiti del mare, va ricordato che in ogni caso il paese dista dal mare appena cinque chilometri. Per chi abbia voglia di camminare, Marciana rappresenta un' ottima base di partenza per inerpicarsi sulle pendici del monte Capanne: una rete di sentieri segnati dal C.A.!. collega tutte le vallate e le località del settore occidentale dell'isola. Si tratta di una serie di itinerari, dai più facili ai più impegnativi, appositamente studiati
per soddisfare tutte le esigenze. Per i più pigri, in ogni caso, sarà sufficiente uscire dall'abitato e raggiungere la vicina stazione di partenza della cabinovia, in funzione dalla metà di aprile alla fine di ottobre, che li porterà comodamente sulla vetta del monte Capanne (m 10 19 s.l.m.) da cui si gode un ampio panorama su tutta l'Elba, il continente, le isole dell' arcipelago toscano e la Corsica.

A chi abbia voglia di scoprire luoghi carichi di suggestione si consigliano due escursioni, al Santuario della Madonna del Monte e al Romitorio di San Cerbone, entrambi raggiungibili in circa un'ora di comoda passeggiata.

Il Santuario della Madonna del Monte è uno dei centri religiosi più antichi dell'isola; seminascosto dalle fronde di castagni ultra secolari, sorge a m 627 di quota, sul versante settentrionale del monte Giove. Attualmente ha un aspetto settecentesco, ma le sue origini devono essere remotissime, poiché già se ne fa menzione in un atto notarile della metà del Trecento. Secondo la leggenda, fu edificato dopo che alcuni pastori, scoperta una immagine della Vergine dipinta su un masso di granito, la trasportarono a valle per costruirle "L'edicola in cui poterla onorevolmente venerare. Il mattino seguente però, il sasso fu ritrovato nel primitivo luogo in cui era stato rinvenuto e proprio in quel luogo i pastori capirono che sarebbe dovuta sorgere l'edicola.
 
Per altri, a dipingere l'immagine della Madonna che tuttora si conserva all'interno del santuario, sarebbe stato un monaco, che insieme ad alcuni compagni si era ritirato sulla montagna a vivere da eremita. Dopo un primo ampliamento effettuato nel 1595. il santuario fu sottoposto a ripetuti rifacimenti finché, nel 1799, assunse la forma attuale. Nell'attiguo romitorio, un edificio lungo e basso, soggiornò nel 1735 san Paolo della Croce, fondatore dell'ordine dei Passionisti. Più tardi, anche Napoleone, rapito dalla suggestione del luogo, ne volle gustare la pace e la tranquillità e vi spostò dal 23 agosto al 5 settembre del 1814, in compagnia di Maria Walewska, venuta all'Elba per consolarlo dalle pene dell'esilio.
Da notare, quasi a ridosso dell'ingresso principale della chiesa, la bella esedra del 1698, detta Teatro della Fontana, con tre cannelle adorne di mascheroni da cui sgorga una freschissima acqua di sorgente.
 
Il Romitorio di San Cerbone, costituito da una linda chiesetta addossata ad alcuni modesti locali di abitazione, sorge in un luogo appartato, nascosto in una ombreggiata boscaglia di castagni ultrasecolari. Si tratta del più antico luogo di culto dell'isola, fondato presso la grotta, dove nel VI secolo si era ritirato il vescovo di Populonia, Cerbone o Cervone, per sfuggire al Longobardi Fu ricostruito dal principe Giacomo II Appiano nel 1421. su suggerimento di san Bernardino da Siena, e successivamente rimaneggiato nel corso dei secoli XVII e XVIII, Dopo la seconda guerra mondiale fu trascurato e lasciato nel più completo abbandono, finché, per l'iniziativa meritoria di un gruppo di amici appartenenti a nazionalità diverse, fu riportato alla primitiva dignità La materiale opera di ristrutturazione fu compiuta fra il 1979 e il 1993 dal signor Franco Segnini di Poggio, che lavorò in solitudine, senza altro conforto che la sapiente guida dell' architetto Paolo Ferruzzi e la confidenza dei cinghiali che venivano a tenergli compagnia.
 
 
 
 
ElbaIsola.net - Servizio di Assistenza per la prenotazione di Hotel Isola d'Elba - IHB s.r.l. P.I.07005800961