Hai bisogno di aiuto per la prenotazione?

chiama il numero

0565.19.30.237

L'ISOLA D`ELBA

Cerca la tua offerta!
calendario
calendario
 Euro/persona/notte
Un mare di offerte in Hotel/Residence/Villaggi sull'isola d'Elba facilmente prenotabili online. Per qualsiasi informazione, consiglio, richiesta, o per prenotare telefonicamente non esitare a contattarci al Numero: 0565.19.30.237.
 
Fra le isole italiane l'Elba, situata nell'alto Tirreno, è la terza per estensione dopo la Sicilia e la Sardegna, con una superficie di 223,5 km2, ed è la più vasta dell'arcipelago toscano. La separa dal continente il canale di Piombino, un braccio di mare largo 12 km circa. L'isola si estende per 27 km in senso longitudinale, dalla punta delle Cannelle alla punta Nera, e raggiunge una larghezza massima di 18 km, fra il capo della Vita e la punta dei Ripalti. Nella parte centrale appare assottigliata in due strozzature, in corrispondenza degli opposti golfi di Portoferraio e Stella, distanti in linea d'aria appena 3,5 km, e dei Golfi di Procchio e Campo, distanti 4,2 km. Il profilo della sua costa, che ha uno sviluppo di 147 km, disegna profonde insenature che formano i golfi di Portoferraio e Procchio a nord, di Mola a est, di Campo,
Lacona e Stella a sud. Tutta la costa è un continuo succedersi di rientranze e promontori e un alternarsi di tratti alti e rocciosi e spiagge sabbiose. Il versante settentrionale dell'isola è quello più fresco e verde per la presenza di boschi di castagni, macchie di lecci e vigneti. Il versante occidentale, compatto e roccioso, è coperto di macchia mediterranea ed è quello che ha conservato più degli altri un aspetto primitivo. Il versante meridionale, con il suo clima caldo e secco, è caratterizzato dalla presenza di una vegetazione tropicale, formata da agavi, fichi d'india, eucalipti e palme. Il versante orientale è costituito dalla profonda insenatura del golfo di Mola, quindi da un tratto rettilineo, infine da una costa sabbiosa compresa fra il capo Pero e il capo Castello. Se si esclude l' 8% dei terreni di pianura, dove si trovano i migliori suoli agrari ed è concentrata la maggiore densità di popolazione, la rimanente superficie del 92% è costituita da rilievi collinari e montani, che risultano coperti da un esteso manto forestale, formato in prevalenza da macchia mediterranea, leccete. pinete, castagneti .
 
• LA FAUNA
La fauna dell'isola è costituita soprattutto da uccelli migratori nidificanti e svernanti, ma non mancano specie stazionarie autoctone come, ad esempio, la pernice rossa (Alectoris mia) .
Fra i grossi mammiferi, sono presenti in misura considerevole cinghiali e mufloni; fra i piccoli mammiferi, sono da ricordare la lepre (Lepus europaeus), la martora (Martes martes), la faina (Martes foina) , il riccio (Erinaceus europaeus) e il ghiro (Myoxus glis). Fra i rettili si segnala in particolare la presenza del biacco (Coluber viridiflavus), del tarantolino (Phillodactylus europaeus) e della vipera (Vipera aspis), che secondo la credenza popolare sarebbe stata introdotta dai Saraceni.
Sotto il profilo morfologico, si è soliti dividere il territorio dell'isola in tre regioni, che si distinguono anche sotto l'aspetto geologico. Quella occidentale coincide con il massiccio granitico del Monte Capanne (m 10 19); quella centrale con la pianura retrostante il golfo di Campo e una serie di bassi rilievi di origine vulcanica, culminanti nei monti Tambone (m 379) e Orello (m 377); quella orientale con due serie di colline ricche di minerali ferrosi, culminanti rispettivamente nella Cima del Monte (m 516 nel monte Calamita (m 413)
 
• IL CLIMA
Il clima è dolcissimo, con estati fresche e inverni miti costa la temperatura media annuale si aggira intorno ai 1-3 gradi, e intorno ai 15,7 sui rilievi e all'interno, dove l'escursione termica è un pò più accentuata.


Riguardo alla piovosità, si verifica un massimo di precipitazioni nell'autunno, una flessione in pieno inverno e una lieve ripresa fra marzo e aprile.
• L`ECONOMIA
L'economia si basa prevalentemente sul turismo, che qui trova una delle sedi più appropriate, per la bellezza del paesaggio, la mitezza del clima, la costa ricca di spiagge di sabbia e scoglio, le tracce di una storia millenaria. Non va taciuto, inoltre, che l'Elba non è solo mare e cultura. Essa, infatti, offre itinerari tutti da scoprire al suo interno per i più esigenti amanti del trekking e della mountain bike, nonché ardite pareti per gli appassionati dell'alpinismo tradizionale e del free climbing . Il turismo, facilitato da una vasta rete viaria interna e dai servizi di navi traghetto che collegano l'Elba con Piombino e Livorno, rappresenta la maggior fonte di lavoro e di reddito per gli abitanti dell'isola.
Fra le attività economiche di minore importanza sono comunque da segnalare quelle estrattive destinate all' edilizia (piastrelle, lavorazione del granito, ecc.), quelle industriali come la cantieristica (piccole imbarcazioni), quella idrominerale e termale (stabilimento di Poggio e terme di San Giovanni). È da segnalare, inoltre, la pesca del pesce azzurro (alici, sardine, sgombri). Nell'attività agricola, ormai molto limitata, predomina la coltura della vite, dalle cui uve si ottengono vini da dessert ad alta gradazione alcolica, come l'aleatico e il moscato dell'Elba.

Fra i vini da pasto merita di essere ricordato il bianco dell'Elba, un bianco secco adatto ai piatti di pesce, che si ottiene dal taglio sapiente di uve procanico e trebbiano.
Degno di essere classificato fra i vini nobili è il robusto rosso dell'Elba, ottenuto da un uvaggio simile a quello del chianti, che si accompagna bene ai funghi, agli arrosti e alla cacciagione.

A questo proposito vale la pena ricordare che, nella stagione giusta, la cucina elbana si arricchisce di gustosi piatti di selvaggina (tordi, beccacce, colombacci, fagiani, lepri, cinghiali), anche se quella più caratteristica è rappresentata dai piatti marinari, fra i quali deve essere segnalata la zuppa di pesce, una variante del cacciucco livornese.
La tipica torta dell'Elba è la schiaccia briaca, un dolce secco da intingere nell'aleatico, a base di pinoli, nocciole e uva passa. L'Elba è anche una buona produttrice di miele.
 
• L'ISOLA D`ELBA
Sotto il profilo amministrativo, il territorio dell'Elba appartiene alla provincia di Livorno ed è diviso in otto comuni: Portoferraio, che è il capoluogo dell'isola, Marciana Marina, Marciana, Rio Marina, Rio nell'Elba, Campo nell'Elba, Porto Azzurro, Capoliveri.


La popolazione formata dai residenti si aggira complessivamente sui 30.000 abitanti.
ElbaIsola.net - Servizio di Assistenza per la prenotazione di Hotel Isola d'Elba - IHB s.r.l. P.I.07005800961